GLI ARBUSTI DA FIORE INVERNALI …PROFUMATI!

Conosciamo l’Edgewortia, generoso arbusto dalla fragrante fioritura nel cuore dell’inverno.

A partire dalla fine di dicembre le giornate si allungano, e anche se il clima è ancora decisamente rigido, qualcosa si muove in giardino a preannunciarci la primavera.

Non sono tanti gli arbusti che ci regalano queste fioriture, e sicuramente non si tratta di fiori sgargianti come quelli dell’ibisco, o vistosi come quelli delle clematis ibride; ma sicuramente questi timidi fiorellini ci aiutano a cominciare a pensare alla primavera.

Quando vediamo i primi fiori in giardino, è sicuramente ora di fare progetti per il giardino, per fare in modo che la bella stagione non ci colga impreparati. Ma gli arbusti a fiore invernale hanno anche un’altra innegabile caratteristica peculiare, che li rende ancora più interessanti: sono a foglia caduca e I fiori sbocciano prima che la pianta emetta le foglie. Il risultato è un arbusto costituito da rametti secchi e grinzosi, su cui sembra che qualcuno abbia incollato dei fiori finti.

L’edgeworthia – Edgeworthia crisantha
Il nome di difficile pronuncia deriva da quello di un appassionato di botanico inglese, di nome Michael Pakenham Edgeworth.

Sono arbusti a vegetazione compatta, con un fusto singolo, ramificato già nella parte bassa, a formare una chioma densa e tondeggiante.
Le foglie sono di colore verde brillante e cadono in autunno; la fioritura avviene in pieno inverno, fino a primavera.

I numerosi fiorellini tubolari, di colore giallo o crema, sono molto profumati; sbocciano in successione, fino a formare una specie di pompon floreale, molto particolare, sferico o semisferico.

L’aspetto della pianta in fiore è incredibile: tra i rami secchi pendono vistose palline gialle, dai riflessi argentei; anche in questo caso, da lontano non si capisce subito se si tratta della natura, o se invece qualcuno si sia divertito ad incollare dei fiori ad un arbusto secco.

In Cina l’Edgeworthia chrysanta è un arbusto molto comune, anche perché un tempo la sua corteccia veniva utilizzata per fabbricare la carta. In Italia è un arbusto un poco più insolito, ma di facile coltivazione: posizioniamola in un luogo soleggiato, possibilmente al riparo dai freddi venti invernali; non teme il gelo, e dopo che si è bene stabilita, tende a resistere bene anche alla siccità ed al caldo estivi. Evitiamo però che il terreno attorno alla pianta rimanga asciutto per lunghi mesi, ed annaffiamo regolarmente, da aprile a settembre, quando il terreno è ben asciutto.

GLI ARBUSTI DA FIORE INVERNALI …PROFUMATI!

About The Author
-